Semplificazione assiemi con Inventor

Articolo redatto da QS Infor, Autodesk Gold Partner.

Nel disegno tecnico industriale è fondamentale per l’ufficio tecnico poter semplificare i complessivi. Con la semplificazione degli assiemi si hanno file più maneggevoli e agevolmente condivisibili con l’esterno (fornitori, clienti, commerciali, etc.). Semplificare i complessivi inoltre, migliora le prestazioni e protegge il know-how aziendale.

Se l’assieme di partenza è stato generato in fase di progettazione tecnica specifica, ovviamente conterrà molti dettagli, sia in termini di componenti che in termini di movimentazioni per la valutazione del corretto funzionamento. Inventor Professional di Autodesk consente la semplificazione degli assiemi, la derivazione dei file ela creazione di file di parti sostituti già in fase di progettazione dei complessivi.

Come semplificare e derivare un assieme con Inventor e i Model State

Utilizzando Inventor Professional, può essere utile strutturare già l’assieme prevedendo delle rappresentazioni di vista o dei Model State che visualizzino solo i componenti fondamentali e non contengano informazioni aggiuntive; queste rappresentazioni potranno poi essere impiegate nei comandi di semplificazione specifica.

Quindi un primo passo per la semplificazione consiste nell’utilizzare i Model State sostituti che consentono di gestire all’interno dello stesso file iam delle semplificazioni.

La generazione di un MS sostituto può avvenire in tre modalità:

1. Deriva assieme

Con il comando per derivare l’assieme si crea un file di parte in cui è possibile scegliere che corpi mantenere, in che modalità (in base alle dimensioni, alla visibilità o magari partendo proprio da una rappresentazione o model state già preparato) e se prevedere l’esclusione di alcune lavorazioni come per esempio le forature e il riempimento di eventuali aree interne.

2. Semplifica assieme

Con il comando Semplifica assieme viene creato un file di parte sulla base di impostazioni più dettagliate rispetto alle precedenti (riutilizzabili come standard): oltre a consentire l’uso di rappresentazioni, consente l’impiego di inviluppi, l’esclusione di più tipologie di lavorazioni oltre ai fori, come smussi e raccordi, il riempimento di aree e parti interne.

3. Seleziona file di parti

Questo comando consente di selezionare un file di parte già esistente opportunamente creato in precedenza (per esempio come semplificato di un assieme molto simile).

Risolvere la pesantezza dei file. Applicare i comandi in modo strutturato

Specialmente nell’ottica della gestione di layout, è molto importante garantire l’efficienza e le prestazioni e quindi avere a che fare con assiemi estremamente semplificati e leggeri. È possibile procedere allora con i comandi descritti in precedenza, ma in modo strutturato, cioè applicandoli a partire dai livelli più bassi fino ad arrivare al complessivo generale, nel quale è possibile concatenare i model state dei sottogruppi tramite il nome.

 

Asset e figurini per lavorare sui gruppi

Anche l’applicazione della semplificazione degli assiemi in modo strutturato si rivela insufficiente in alcuni casi, soprattutto quando si ha a che fare con gruppi forniti dall’esterno, per questo è possibile passare all’utilizzo di Inventor Factory.

Questo plugin di Inventor consente di creare e utilizzare figurini (asset) di macchine, trasporti, elementi costruttivi e oggettistica per layout. L’impiego di questo flusso di lavoro implica la modellazione ad hoc di oggetti (parti e/o assiemi) abbastanza semplici da poter essere inseriti successivamente in un layout. Gli asset o figurini possono essere anche parametrizzati in modo da gestirne l’utilizzo in base a regole specifiche.


  Guarda i video:

 


QS Infor